Notizie

Inaugura Parco Galileo: inclusione lavorativa e sociale in ambito agricolo

Pubblicato il:

  • Luogo: Casatenovo, LECCO
  • Data: 09/10/2018

“Coltivare nuovi punti di vista”: questo l’obiettivo del progetto finanziato da Fondazione Cariplo e guidato dalla cooperativa Demetra della rete Agricoltura Sociale Lombardia.

Un traguardo da festeggiare, un evento da segnare sul taccuino. Domenica 14 ottobre appuntamento a Casatenovo (Lecco) con la “Festa del Raccolto” in occasione della quale verrà inaugurato Parco Galileo. Non un parco qualunque ma un’area preziosa destinata a iniziative di inclusione lavorativa e sociale in ambito agricolo. Agricoltura sociale come ingrediente di base da cui far scaturire processi virtuosi di coinvolgimento del territorio, rispondendo allo svantaggio e valorizzando allo stesso tempo tutte le potenzialità presenti. “Il nome non fa riferimento solo al luogo ma anche al grande scienziato che ha ribaltato la prospettiva scientifica: coltivare nuovi punti di vista” evidenziano i referenti dell’iniziativa. “Coltivare nuovi punti di vista” si configura quindi come la mission regina del progetto che vede tra i partner principali anche le cooperative Demetra (realtà capofila) e Solaris Ambiente Lavoro del territorio di Monza e Brianza appartenenti alla rete di Agricoltura Sociale Lombardia.

Sarà un’occasione per conoscere le finalità di un intervento triennale, sostenuto da Fondazione Cariplo e guidato dalle cooperative sociali Demetra onlus in collaborazione con La Grande Casa onlus e Solaris Ambiente Lavoro, che consentirà di sviluppare attività inclusive e risocializzanti in ambito agricolo rivolte al tessuto sociale” spiega Andrea Caserini referente di Solaris.

L’iniziativa è scoccata a primavera 2018 e fino a novembre 2020 le tre cooperative lavoreranno in rete tra loro e in stretta sinergia sia con l’amministrazione comunale sia con realtà locali di carattere associativo come il Consorzio Brianza che Nutre, Simbio e Sant’Anna Social Club. “Il progetto si fonda sull’idea che la biodiversità, vista anche come diversità umana, è varietà, arricchimento biologico e intellettuale, indispensabile al benessere del territorio e degli individui – sottolineano i referenti – L’area verrà dunque riorganizzata in bio-orti condivisi gestiti dalle associazioni e da gruppi di cittadini: per assicurare la tutela di biodiversità ci sarà anche un’area di impollinazione naturale dove verranno attratti gli insetti e dove verranno posizionate circa una decina di arnie per api”.

Prevista anche un’importante attività di commercializzazione in quanto i prodotti dell’area potranno essere venduti attraverso vari canali tra cui mercati locali, gruppi di acquisto solidale e anche una piattaforma online: “Tra gli interventi più innovativi la creazione di un sistema di Veg Bike Messenger per la consegna dei prodotti degli orti da parte di rifugiati e di persone con inserimento sociale. Chiunque potrà dunque ordinare i propri prodotti, anche tramite l’acquisto online e poi vederseli recapitati alla propria abitazione con un sistema ad emissione zero”.

Saliente la sinergia con il tessuto imprenditoriale locale, come raccontano i protagonisti del progetto: “Le aziende potranno “adottare”, anche virtualmente, una porzione d’orto con un sistema di crowdfunding, avendo poi diritto a un certificato di protezione dell’area e a dei bonus in verdura”.

Il progetto “Parco Galileo” prevede inoltre azioni cardine di inclusione sociale e lavorativa attraverso l’attivazione di tirocini e borse lavoro oltre all’accompagnamento di soggetti svantaggiati. Non mancheranno infine azioni culturali come incontri di sensibilizzazione e corsi di accompagnamento pratico alla gestione dell’orto per la promozione della biodiversità e della cura del territorio come cura di sé stessi.

L’evento del 14 ottobre prenderà vita a partire dalle ore 15 con un ventaglio di proposte rivolte a grandi e bambini che includono visite guidate all’orto della biodiversità, un percorso speciale dedicato alle erbe selvatiche commestibile, esposizioni, musica e degustazioni con prodotti autunnali.

Ingresso gratuito. Per informazioni: www.demetra.net

Articolo di Sara Bellingeri – Comunicazione e Ufficio Stampa Agricoltura Sociale Lombardia

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>