Notizie

Con elilu nasce la cooperativa Il Terzo Giorno

Pubblicato il:

  • Data: 14/06/2018

Il nuovo progetto vede tra i cofondatori l’azienda agricola  della rete Agricoltura Sociale Lombardia.

Dopo i primi vagiti intessuti di progettazione e intreccio di idee è nata la Cooperativa sociale agricola “Il Terzo Giorno”, presentata ufficialmente a metà maggio a Tortona. Una realtà che testimonia l’unione di intenti tra diversi soggetti del mondo agricolo e sociale tra cui la stessa azienda elilu della rete Agricoltura Sociale Lombardia.

L’agricoltura sociale come premessa e obiettivo è, infatti, il collante speciale di questa sinergia, come conferma la presidente Sonia Superti, pedagogista: La cooperativa nasce dal desiderio personale e professionale dei soci fondatori e del consiglio di amministrazione di promuovere l’agricoltura sociale nel territorio locale partendo ognuno dalle proprie esperienze e dalle proprie progettualità senza dimenticare il “bene comune”, ossia il rispetto e il desiderio di supportare e sostenere l’altro nella sua fragilità temporanea e/o esistenzialeIl fine è quello di creare una rete per un nuovo sistema di welfare a 360 gradi, attraverso un’offerta di servizi individualizzati, mediante azioni formative finalizzate a percorsi di inserimento, reinserimento ed avviamento al lavoro in ambito agricolo”.

Essenziale è stato l’apporto della stessa azienda elilu che già dal 2014 ha avviato una collaborazione con l’Associazione omonima “Il terzo giorno – agricultura Odv” di cui Elisa Gastaldi (cofondatrice di elilu) è stata presidente fino al gennaio 2016.

Tre le categorie di soggetti con svantaggio a cui sono rivolte le iniziative inclusive della Cooperativa: persone con disabilità psichica e mentale, adulti disoccupati e a rischio emarginazione, giovani con disagio sociale che escono dalle comunità e necessitano di un sostegno educativo e formativo per inserirsi nel mondo del lavoro.

Il rapporto con le piante e con gli animali consente la presa in carico e l’assunzione di responsabilità in ambienti dove la tolleranza e la disponibilità alla prova ed all’errore è più ampia - spiega la presidente Superti – Questa possibilità rafforza quindi percorsi di apprendimento, di autostima e di partecipazione nelle persone coinvolte. Da sempre in agricoltura esiste una predisposizione naturale per la valorizzazione delle persone di tutte le età e tale attitudine consente di alimentare un welfare locale inclusivo più umano e rispettoso delle fragilità. La prossimità e la relazione sono, infatti, valori antichi e da sempre presenti nel mondo contadino così come la solidarietà, il mutuo aiuto, la cura e l’assistenza di membri all’interno di una cerchia familiare “allargata”. Per questo la Cooperativa “Il Terzo Giorno” offrirà un rilevante contributo allo sviluppo del territorio e delle comunità rurali locali, in quanto si creeranno nuove opportunità di reddito e di occupazione, offrendo concrete prospettive di inclusione sociale per soggetti vulnerabili, generando servizi per il benessere delle persone e delle comunità, migliorando la qualità della vita nelle aree rurali e periurbane. Si creano così beni “relazionali”.

Nella foto Piero Bonferoni e Sonia Superti, direttore e presidente della Coop Il Terzo Giorno.

Articolo di Sara Bellingeri – Comunicazione e Ufficio Stampa Agricoltura Sociale Lombardia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>