Notizie

Clarabella presenta il progetto Villa Cantù

Pubblicato il:

  • Luogo: Rovato, Brescia
  • Data: 21/05/2018

Appuntamento sabato 26 maggio: il Consorzio impegnato nell’iniziativa con protagonista l’inclusione lavorativa e sociale di persone con disagio mentale.

Cascina Clarabella, della rete Agricoltura Sociale Lombardia, continua a conquistare importanti traguardi sul fronte dell’inclusione sociale e lavorativa. Sabato 26 maggio, a partire dalle ore 9:30, si terrà un incontro che conferma a pieno titolo questi obiettivi. “Valorizzazione del parco di villa Cantù: studenti protagonisti” è il titolo dell’evento che oltre al Consorzio Cascina Clarabella coinvolge la Città di Rovato (BS) e il Dipartimento di Salute ASST Franciacorta oltre alla Fondazione Cogeme onlus. Protagonisti saranno proprio i progetti di valorizzazione di Villa Cantù (situata sul Monte Orfano di Rovato un tempo dimora dello storico, politico e letterato Cesare Cantù (1804 – 1895) realizzati dagli studenti dell’Istituto Comprensivo  “L. Einaudi” di Chiari e dell’ Istituto Comprensivo “L. Don Milani” di Rovato.

Il recupero di Villa Cantù passa attraverso un percorso tracciato dall’amministrazione comunale e delegato attraverso una convenzione al Consorzio Cascina Clarabella che gestirà Villa Cantù fino al 2057 – spiegano i referenti di Cascina Clarabella – Qui il Consorzio ha realizzato il progetto denominato “villaggio di accoglienza” che coniuga interventi di residenzialità leggera, di housing sociale e di inserimento lavorativo per persone con disagio mentale. Il recupero dell’immobile e il progetto socio-culturale, finanziato da Fondazione Cariplo, ha portato alla creazione di 7 appartamenti per un totale di 14 posti letto. Il terreno sottostante è stato affidato alla Cooperativa sociale agricola Clarabella che vi produce un Curtefranca bianco biologico dedicato a Cesare Cantù. In tale attività vengono impiegate persone con disagio psichico in percorso di inserimento lavorativo. All’interno di Villa Cantù si trova inoltre un parco pubblico attrezzato con area giochi e area cani e spazi per feste con cucina attrezzata”.

La collaborazione con le scuole nasce dalla volontà di raggiungere questi obiettivi e di rendere Villa Cantù risorsa fruibili per istituzioni e cittadini - sottolineano i referenti – Le scuole sono state coinvolte in percorsi formativi finalizzati sia alla conoscenza del patrimonio agro-ambientale che al potenziale utilizzo del parco quale “laboratorio all’aperto” in cui sperimentare attività pratiche nel campo delle scienze naturali, dell’ecologia, della coltivazione e trasformazione delle materie prime.  Partendo dai temi della biodiversità e sostenibilità, l’Istituto Einaudi e l’Istituto Don Milani hanno saputo rispondere con iniziative e progetti diversi secondo le proprie caratteristiche e piani didattici tutti finalizzati alla valorizzazione del sito, alla salvaguardia del territorio e alla promozione di atteggiamenti sostenibili”.

L’inclusione sociale e lavorativa, elemento cardine dell’agricoltura sociale, si intreccia al contempo a finalità di valorizzazione del patrimonio culturale, come confermano gli stessi organizzatori dell’evento: “Oltre alla volontà di realizzare percorsi di autonomia e di reinserimento sociale per persone con disabilità e creare opportunità di lavoro per persone con disagio psichico, fra gli obiettivi del recupero di Villa Cantù ci sono quelli di contribuire al recupero e alla riqualificazione del Monte Orfano, valorizzare la storia e le tradizioni locali  e attivare un percorso di conoscenza ed esperienza in materia di cultura della gestione del territorio rurale e delle sue risorse, attraverso uno sviluppo ecosostenibile.”

L’evento si terrà nella Sala Pianoforte del Comune di Rovato (via Lamarmora, 7). Ai saluti del sindaco di Rovato Tiziano Belotti e del consigliere della Fondazione Cogeme Dario Lazzaroni, seguirà la presentazione del progetto a cura di Andrea Materzanini (direttore DSM – ASST Franciacorta) e Claudio Vavassori (presidente del Consorzio Cascina Clarabella). Successivamente interverranno le scuole coinvolte.  Alle ore 11:30 previsti visita e aperitivo a Villa Cantù.

Nella foto un’immagine di Villa Cantù.

Articolo di Sara Bellingeri – Comunicazione e Ufficio Stampa Agricoltura Sociale Lombardia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>